News di Hocus & Lotus
20/02/2014 leggi tutte le notizie

20/02/2014 Presentazione corsi di inglese a Trieste!
Incontro con i genitori per presentare Hocus e Lotus!
13/02/2014 Hocus&Lotus arrivano a Ladispoli (RM)
Presso il Nido Raggio Verde in via Lazio 65
06/02/2014 Sesto San Giovanni (MI) Sabato 01 Marzo, alle ore 10,30 OPEN DAY CORSO DI INGLESE per bambini dai 6 mesi a 11 anni
Sabato 01 Marzo alle 10,30 l 'associazione Agape, in collaborazione con English4, presenterà il modello del Format Narrativo (Hocus e Lotus).
I neonati leggono le labbra per imparare a parlare

02/02/2012
articolo pubblicato sulla prestigiosa rivista PNAS (Proceedings of the National Academy of Science of the USA)di David J. Lewcowicz e Amy M. Hansen-Tift

Riassumo qui questo articolo che conferma quello che molte neomamme vivono con grande entusiasmo! I nostri bebè guardano spessissimo la nostra bocca, spesso voglion toccarla e metterci dentro le manine, e con grande ammirazione vediamo come ci imitano nei movimenti, e la scienza ci conferma che serve per imparare a parlare!

David J. Lewkowicz e Amy M. Hansen-Tift  (2012) “Infants deploy selective attention to the mouth of a talking face when learning speech”- PNAS) si sono occupati di verificare un’ipotesi interessante, secondo la quale I bambini –prima di iniziare propriamente a parlare- osserverebbero il movimento delle labbra dei genitori. Secondo tale studio, quindi, i bambini apprenderebbero a parlare non solo ascoltando le parole, ma osservando i movimenti labiali.

 

Nel periodo in cui il bambino inizia a produrre i primi fonemi –dapprima casuali, poi via via sempre più intenzionali ed articolati- si può osservare come il loro sguardo passi dall’essere quasi esclusivamente incentrato sugli occhi del loro “interlocutore” (tipicamente un genitore), al spostarsi anche sulle labbra della persona che si trova davanti. 

Questo accade perché al fine di apprendere il linguaggio non è solo necessario riconoscere le varie parole e i vari fonemi emessi, ma anche imparare come tali suoni vengono prodotti. Pertanto sarà di fondamentale importanza per il bambino apprendere le conformazioni che le labbra e la lingua devono assumere, per produrre un determinato suono, e ciò avviene primariamente per imitazione. La lallazione, ossia quel ripetere quasi continuo di alcuni fonemi semplici (“la-la”, “ga-ga”, ecc.) fungerà quindi da “palestra” per affinare i movimenti labiali, fino a raggiungere il suono desiderato.

Nello studio condotto dallo Psicologo Evolutivo dott. David Lewkowicz della Florida Atlantic University si è proprio partiti da queste osservazioni, concludendo che il processo di apprendimento del linguaggio nel bambino, è un fenomeno probabilmente più complesso di quanto si fosse fino ad ora immaginato.

Nel suo studio, il dott. Lewkowicz e la sua équipe, hanno reclutato 180 bambini di differenti età (4-6-8-10 e 12 mesi) a cui hanno mostrato il video di una donna che parlava loro in inglese o spagnolo. Tutti i bambini erano figli di genitori di madrelingua inglese. Un apposita telecamera leggera, montata su un piccolo casco, registrava gli spostamenti dello sguardo del bambino, calcolando ulteriori altri parametri, quali il tempo di fissazione dello sguardo su un determinato punto dello schermo.

Ciò che I ricercatori hanno primariamente osservato, è stato un importante spostamento dell’attenzione dei bambini. Quando la donna parlava in inglese, i bambini di 4 mesi focalizzavano la propria attenzione sullo sguardo della donna del video; quelli di 6 mesi suddividevano la propria attenzione in egual misura tra occhi e labbra. I bambini di 8 e 10 mesi, invece, si concentravano maggiormente sui movimenti labiali, mentre i più grandi del campione -i bambini di 12 mesi di età- tornavano a concentrarsi sullo sguardo della donna.

Nel momento in cui la donna del video parlava invece spagnolo, gli studiosi osservarono come nei bambini più grandi (12 mesi), l’attenzione fosse principalmente incentrata sulle labbra della donna, quasi necessitassero di maggiori informazioni per decodificare un linguaggio a loro sconosciuto.

Lo studio di Lewkowicz e colleghi è decisamente importante, soprattutto a fronte delle difficoltà -note nel mondo scientifico- relative alla difficoltà di reperimento e standardizzazione di dati su bambini così piccoli, oltre a costituire una innovativa visione del processo di apprendimento del linguaggio. Fino a non molti anni fa, infatti, i principali studi sull’argomento si sono occupati di analizzare in primis l’ascolto e le varie modalità di ascolto del bambino nell’apprendimento del linguaggio, trascurando invece totalmente l’imitazione dell’adulto basata sull’osservazione.

Certamente i dati presentati costituiscono un iniziale spunto di riflessione per lo sviluppo di ulteriori ricerche e approfondimenti, anche in risposta alle critiche mosse (una su tutte riguarda il “disturbo” dei dati a carico della potenziale riduzione dell’attenzione nei bambini).

Certamente questi primi dati potranno invece essere utili alle neo-mamme e ai neo-papà, suggerendo l’importanza di mostrare i propri movimenti labiali durante l’emissione del linguaggio, favorendo quindi un migliore e più rapido apprendimento dello stesso da parte dei propri figli.

 

Vai alla fonte della notizia



Per capire al meglio il nostro metodo,
guarda tutti i filmati!
Entra e guarda le foto che raccontano le esperienze ed emozioni di chi ha provato Hocus e Lotus!
In questa area trovi tutte le informazioni per
avvicinare il tuo bambino ad una nuova lingua.
Vuoi diventare un'insegnante magica? Scopri come.
Vieni a leggere cosa dicono le persone di Hocus e Lotus.



























You're not italian?